Lo zucchero di cocco si presta ad essere utilizzato per tutte le preparazioni che prevedono l’uso dello zucchero tradizionale, raffinato o grezzo che sia, tra l’altro nelle stesse proporzioni, in quanto ha un potere dolcificante molto simile.

Dolci, biscotti, gelati, creme, torte e dessert, con questo zucchero si dolcificano persino bevande calde o fredde.

Ricordatevi solo che, rispetto allo zucchero tradizionale, ha un gusto più intenso e fruttato, con un retrosapore che ricorda il caramello.

Lo zucchero di cocco contiene discrete quantità di vitamine del gruppo B, potassio, magnesio, fosforo, calcio, zinco e ferro.

Lo zucchero di cocco si ricava con un processo in due fasi:

1. Si fa un taglio sul fiore della palma da cocco e il nettare viene raccolto in appositi contenitori.
2. Il liquido viene sottoposto a calore fino a quando la maggior parte dell’acqua non evapora.

Il prodotto finale è lo zucchero di cocco, uno zucchero cristallino dal colore dorato e dal sapore simile a quello di canna. Il colore e il sapore possono comunque variare a seconda del tipo di palma da cocco, della stagione del raccolto e del modo in cui è lavorato il nettare.

Ricerche confermano che lo zucchero derivante da palma di cocco non faccia alzare la glicemia, il famoso indice glicemico croce dei diabetici ma di chiunque voglia tenere sotto controllo il peso. Secondo gli studi realizzati dall’Università di Sydney, seguendo il metodo internazionale standard, e quindi il più attendibile, lo zucchero di cocco ha un indice glicemico (GI) di 54 contro i 65 dello zucchero normale. La ragione per cui lo zucchero di cocco ha un GI così basso è che contiene inulina, un tipo di fibra solubile che rallenta l’assorbimento del cibo nell’intestino e che favorisce un microbioma intestinale sano.

Lo zucchero di cocco insomma non salverà il mondo e forse nemmeno il giro vita ma per qualcuno potrebbe essere una buona soluzione. Chiedere al medico è d’obbligo, acquistarlo una scelta.

Fino a qualche anno fa era difficile trovare lo zucchero di cocco in Italia, ora è possibile acquistarlo negli ipermercati più forniti e nei negozi di alimentazione biologica.